venerdì 11 novembre 2011

La vita per Irene Sheri

"Sono innamorata delle mie tele. È la bellezza e la passione della pittura e dei risultati che provengono da quei sentimenti che mi guida nel riempire la tela ogni giorno".                                                              
Irene Sheri

Irene Sheri è figlia di madre bulgara e padre francese. È nata in Ucraina nel 1968. La sua carriera artistica è iniziata quando il fratello maggiore, Vasily, le ha regalato per il suo nono compleanno un set di colori.

Ne ha fatto di strada da quel lontano giorno. Nel 1990 si trasferisce a San Pietroburgo e frequenta l'Accademia di Belle Arti, una delle scuole d'arte più prestigiose del mondo. Nel 2000 si laurea e la sua opera, "Prima Neve", è accettato nella collezione permanente del Museum of Art Academy
Per la pittura ad olio ha ricevuto il "Premio di Stato Russo per realizzazioni eccezionali in Arte e Spettacolo", la più alta onorificenza che un artista può ricevere in Russia.




Nella sua arte la Sheri mostra la realtà nella quale è immersa rappresentandola con un mix di colori, con uno stile moderno e incisivo. Estende il suo tocco e la sua ecletticità anche alla figura umana e alle scene di vita quotidiana. Un vero trionfo di colore e ombre, non più nere, sono anch'esse definite da colori, per lo più "complementari".



È proprio quest’uso del colore e della luce che avvicina Irene Shari al “movimento impressionista russo” conosciuto come "Jack di Diaminds". Un gruppo che evitava il realismo, costruendo invece una realtà del 3D usando tavolozze brillanti mono-colore. Queste immagini realistiche sono rappresentate attraverso colori intensi che liberano l'immaginazione, permettendo lo sviluppo dell'impressionismo artistico che si contrappone al realismo sociale degli artisti istruiti all’arte tradizionale.









“L'occhio umano percepisce inizialmente la luce e i colori, dopo di che, attraverso la sua capacità di elaborazione cerebrale distingue le forme e lo spazio in cui sono collocata.”


© Tutti i diritti delle opere e dei testi sono di proprietà dei rispettivi autori. 

5 commenti:

  1. Non conoscevo Irene Sheri, ma queste tele sono stupende, davvero molto belle...piene di colori ma anche di sentimento e di parole...

    RispondiElimina
  2. Concordo,speriamo che a breve faccia una mostra in Italia

    RispondiElimina