martedì 17 gennaio 2012

Google &c. insieme contra Sopa

''Come molte altre aziende, imprenditori e utenti del web, ci opponiamo a questi disegni di legge perche' ci sono altri modi intelligenti e mirati di chiudere i siti esteri non autorizzati senza chiedere alle societa' americane di censurare Internet. Domani ci uniremo a molte altre web company e metteremo in rilievo il tema sulla nostra homepage Usa''. E' l'iniziativa annunciata da Google in merito alla protesta del web di domani negli Usa contro il Sopa, la legge antipirateria online.


I fatti: Il 26 Ottobre 2011 presso la camera degli Stati Uniti è stato ufficialmente presentata, dal deputato texano Lamar Smith (che non fa parte dell’amministrazione Obama), un’iniziativa per combattere la pirateria on line comunemente chiamata SOPA (Stop OnlinePiracy Act).

La legge, se dovesse passare così come è stata presentata, non interverrà solo su chi scarica e copia selvaggiamente dalla rete contenuti protetti dal diritto d’autore, ma negherà anche il diritto allo streaming online e impedirà l’uso di molte licenze Open Source. In altre parole: è vietato condividere qualsiasi cosa attraverso internet. Le misure prese contro coloro che infrangeranno tali disposizioni sono molto pesanti (vanno da sanzioni sui diritti pubblicitari alla cancellazione del DNS).

Le più grandi aziende come Google, Amazon, Facebook, Twitter, Wikipedia, Yahoo!, eBay, PayPal, AOL, Foursquare, IAC, LinkedIn, Mozilla, OpenDNS and Zynga protestano contro questa iniziativa del congresso.

Anche Wikipedia domani farà “sentire la sua voce”. La versione in inglese dell'enciclopedia virtuale sarà oscurata per 24 ore. Lo ha annunciato su Twitter il suo fondatore, Jimmy Wales.

Stiamo attenti e seguiamo con attenzione lo sviluppo di queste vicende perché anche in Europa (non dimentichiamo la proposta d legge in materia proposta dal governo Berlusconi), sono in molti a confondere la tutela del copyright con la limitazione del diritto di condivisione, con grossi rischi per la salvaguarda di quelle libertà che in questi anni hanno portato a grandi sviluppi.


© Tutti i diritti delle opere e dei testi sono di proprietà dei rispettivi autori.

2 commenti:

  1. Mi auguro che alcune persone riflettano bene su quello che stanno facendo.

    RispondiElimina