giovedì 9 febbraio 2012

Un gesto vale più di mille parole...

Due parole per quattro zampe.

"Giorni fa uno dei cani di casa ci ha lasciato:Lola. Chi ha cani e gatti o li ha avuti sa di cosa parlo quando uso la parola dolore nel caso della morte di un animale di casa. Sono nostri compagni di vita, sono amici veri, gli si vuole bene,un bene ricambiato in una forma non umana ma per certi versi anche più che umana, più incondizionata, più pura.

Queste parole le scrivo per lei, d’accordo con mia moglie e mia figlia che mi hanno spinto a farlo, anche se a molti potrà sembrare una cosa da poco. La Lola l’avevamo presa al canile di Ossaia, qui a due passi da Cortona, dove, come in tutti i canili, è pieno di animali pronti a far felice qualcuno. E’ stata con noi qualche anno prima che morisse e sono stati anni bellissimi, per lei che non perdeva occasione di dimostrarcelo, e per noi che ci metteva un sacco di allegria col suo carattere e le sue abitudini da “trovatella” che non aveva mai abbandonato anche se viveva viziata come una regina. I nostri cani li abbiamo sempre presi al canile oppure da qualcuno che li aveva trovati abbandonati da qualche parte.

Vengo al punto: se volete prendere un cane prendetelo al canile, ve ne sarà grato per tutta la vita e scoprirete una forma di felicità e di rapporto tra esseri viventi che vi insegnerà delle cose importanti, garantito. Non andate a comprare un cane a meno che non abbiate della ragione molto valide per farlo, invece valutate bene l’idea di salvarne uno da un canile, di portarlo a casa, di stringere con lui quel patto tra essere umano e animale che è tra le esperienze più belle della vita (molti sanno di cosa parlo). Un cane non è un vestito, che si compra alla boutique e si indossa davanti allo specchio o per far bella figura, è un essere vivente e negli esseri viventi il concetto di razza e di pedigree è una cosa sorpassata, nel 2012. I cani sono tutti unici. In qualsiasi città voi viviate di sicuro c’è un canile dove si raccolgono i trovatelli, i cani smarriti, abbandonati, rifiutati, scappati, allora se avete intenzione di prendere un cane con voi valutate questa possibilità, fateci un giro, è una bella cosa.
Ciao Lola e grazie amica mia."

Lorenzo Jovanotti Cherubini.

© Tutti i diritti delle opere e dei testi sono di proprietà dei rispettivi autori.

7 commenti:

  1. Posso capirlo benissimo cosa si prova, quando ho perso il mio cane dopo 16 anni.

    RispondiElimina
  2. Diventano parte della famiglia e si amano proprio come le persone. Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Ho pubblicato queste parole perché mi sono riconosciuta nel suo pensiero. Quando è morto il mio cane tutta la famiglia ha trascorso giorni tristissimi e tutt'oggi la pensiamo spesso. La mia Pam è morta per un tumore dopo 11 anni trascorsi con noi e volevo ricordare lei e la gioia che ci regalava con il suo affetto incondizionato.

    RispondiElimina
  4. IL mio è morto 20 anni fa...ancora lo ricordo!! buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino le tue emozioni! Buon fine settimana!

      Elimina
  5. Ciao, Tiziana.

     Lovely your works, full of JOY.

     I am enlightened by your splendid works.
     Thank you for showing your heartwarming world.

     The prayer for all peace.
      
    Have a good week. From Japan, ruma ❃

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ruma
      Thank you very much!The most beautiful thing and share my emotions with people all over the world. Your comment gives me such joy.
      Have good week-and you too! :-D

      Elimina